Spazio Pro e Stampa Webcams 15°
-/+
Il mio carnet di viaggio

Ufficio del turismo metropolitano Nice Côte d'Azur

X Prenotazione del soggiorno Prenota
 
 
 
 
 
17 febbraio 2021
Storiche, strategiche, leggendarie, sportive, panoramiche, sinuose e pure cinematografiche, ci sono tanti modi per descrivere le strade delle Tre Cornici!

Collegando Nizza con Mentone, queste tre strade offrono dei panorami eccezionali e sono il teatro di numerosi eventi! I percorsi delle Tre Cornici sono un vero e proprio invito al viaggio!

Se non conoscete ancora “la bassa”, “la media” (come dicono gli abitanti del luogo) o la “grande” cornice vi invitiamo a scoprirle e a considerarle per un tour!

1 – La cornice bassa, percorso sul mare

La cornice bassa attraversa la costa frastagliata e permette di scoprire stazioni balneari molto belle ed eleganti. Partendo dal porto di Nizza raggiunge Mentone, città situata prima dell’Italia. La nostra traversata della cornice bassa ci porterà fino a Cap d’Ail, l’ultima città attraversata nell’area metropolitana…
insta@valentin_donato

La cornice bassa attraversa la costa frastagliata e permette di scoprire stazioni balneari molto belle ed eleganti. Partendo dal porto di Nizza raggiunge Mentone, città situata prima dell’Italia. La nostra traversata della cornice bassa ci porterà fino a Cap d’Ail, l’ultima città attraversata nell’area metropolitana…

La nostra scoperta della cornice bassa inizia vicino al porto Lympia di Nizza, quartiere pittoresco dalle facciate colorate che ci seduce con il suo fascino e la sua bellezza!

Dopo averlo lasciato, la strada passa vicino al mare dove i vostri occhi non potranno che essere attirati dalle famose dimore della belle époque che fiancheggiano il percorso.

Fermarsi sulla Boulevard Carnot per ammirare la sublime vista sulla baia degli angeli è d’obbligo.

È difficile immaginarsi che fino a 150 anni fa questo litorale era selvaggio e abitato solo da qualche famiglia di pescatori e agricoltori! Man mano che avanziamo non possiamo fare a meno di notare la vegetazione lussureggiante e le ville circostanti. È a partire dal 1860 e con l’arrivo del treno che queste dimore eccezionali sono state costruite. Gli aristocratici (per lo più inglesi) fecero costruire ville tanto lussuriose quanto sorprendenti (soprattutto per la popolazione locale) e così la costa cominciò gradualmente a cambiare volto.

A pochi chilometri da Nizza si scorge la penisola di Sant-Jean-Cap-Ferrat e la celebre baia di Villefranche-sur-Mer. Con la vicina Beaulieu-sur-Mer, queste città formavano fino a circa un secolo prima della loro indipendenza un unico comune.

La storica Villefranche-sur-Mer non mancherà di sedurvi con la sua cittadella, il suo colorato centro storico e il suo porto famoso in tutto il mondo.

L’elegantissima Beaulieu-sur-Mer vi trasporterà in un’altra epoca con i suoi numerosi edifici della Belle Époque tra cui la visitabile Villa Kerylos!

La famosa penisola di Saint-Jean-Cap-Ferrat, spesso conosciuta come la penisola dei miliardi, è nota per il suo stile di vita rilassato e la sua natura selvaggia. Da scoprire a piedi lungo i suoi sentieri costieri!

Lasciando Beaulieu-sur-Mer, non possiamo fare a meno di ammirare le scogliere che cadono direttamente nel mare. Il quartiere della “piccola africa” offre uno spettacolo molto suggestivo dove il nome alpi marittime assume tutto il suo significato!

La strada continua a snodarsi ai piedi di queste falesie vertiginose dove è stato necessario scavare delle gallerie in alcuni punti per potervi circolare. Impressionante!

Dopo aver superato Eze bord de Mer (vi consigliamo la salita al paese tramite il cammino di Nietzsche), si scorge il comune di Cap d’Ail !

Vera testimonianza del passato Belle époque di questa regione, è l’ultimo baluardo prima del Principato di Monaco. Da scoprire assolutamente: il suo sentiero costiero e la magnifica spiaggia di Mala incastonata nel cuore di una baia.

insta@carolepippo
insta@julianontheroute
insta@agence_dumas
 

2 – La cornice media, panorama sui paesi del litorale

La cornice media sorge a poche centinaia di metri sul livello del mare e offre panorami eccezionali che si snodano lungo le ripide scogliere. Inizia nel quartiere del porto, al livello della piazza Max Barel e del viale della Corniche André de Joly (prefetto delle Alpi Marittime che decise la costruzione di questa cornice nel 1908). È anche l’ex National 7 la “strada delle vacanze” che univa Parigi a Mentone! Immaginiamo non senza fatica la felicità dei vacanzieri che terminano il loro viaggio di fronte al golfo blu!
@P.Masson

Ciò che è notevole quando si viaggia sulla Moyen Corniche è scoprire i panorami che ci si offrono! La strada si snoda tra ripide scogliere e vegetazione perennemente verde. Di seguito possiamo scorgere i paesi del litorale; non è raro che le cornici attraversino questi paesi, dalla costa alla sommità delle scogliere, come a Villefranche-sur-Mer, Eze o Cap d'Ail.

Il viale Bella Vista, come suggerisce il nome, è strategico per ammirare il panorama! Inoltre, è d’obbligo una sosta un po' più avanti nel paese di Eze village.

Questa cittadina medievale, arroccata su una piccola rupe, è una tappa obbligata della Costa Azzurra. La miglior vista? Si trova presso il Jardin Exotique d’Eze che si raggiunge dopo aver passeggiato per i vicoli del paese.

Per completare la vostra scoperta, prendetevi il tempo per visitare una delle due fabbriche-laboratorio di profumi situate nel paese:  Galimard e Fragonard

Vi apriranno le porte per una straordinaria scoperta olfattiva. È possibile persino creare il proprio profumo!

La cornice media è anche un asse privilegiato per raggiungere i siti naturali che la circondano come il parc forestier du Mont Boron ou il parc du Vinaigrier (a Nizza) che sono veri e propri polmoni verdi di questo contesto urbano. È anche il punto di partenza di molti sentieri escursionistici.

Il nostro consiglio: non esitate a prendere i sentieri e i cammini che collegano la costa alla cornice. La salita a volte ripida è ricompensata da panorami mozzafiato! Non dimenticate la macchina fotografica!

 

 

3 – La cornice grande, la più spettacolare

La cornice grande si trova ad un'altitudine di oltre 400 metri. È la strada più antica, costruita per ordine di Napoleone I. Segue il tracciato della strada romana “Via Augusta” (che correva lungo la costa ligure e lungo la Costa Azzurra) dove alcuni passaggi sono originali. Inizia nel quartiere Riquier di Nizza, più precisamente in corso Bischoffsheim. Difficile da pronunciare! Arroccata sul fianco di una scogliera, è senza dubbio la più famosa, la più leggendaria, la più sportiva, la più selvaggia... la più spettacolare!

La cornice grande è molto apprezzata per i suoi ambienti naturali. Attraversa il parco dipartimentale della Grande Corniche che si estende dal monte Vinaigrier (a Nizza) al monte Bastide, passando per il monte Leuze, l’altopiano della giustizia, il forte della Revère e la cima dell Forna. Blu a perdita d'occhio da una parte e le montagne del Mercantour dall'altra! Lo spettacolo è sorprendente!

Spesso ripreso in occasione di eventi sportivi, è anche un campo di gioco per eventi automobilistici, inaugurazioni di automobili o servizi televisivi.

Ogni anno si svolge la finale della famosa corsa ciclistica “Parigi-Nizza”. I concorrenti attraversano il leggendario colle d´Eze che culmina a 500 metri di altitudine. Nell'agosto 2020 si è svolta anche una tappa del Tour de France.

Non è raro imbattersi in ciclisti che cercano una fuga per vivere questa bellissima tappa! Amanti del ciclismo...ai posti di partenza, pronti? Pedalate!

Lo sapevate?

Una delle prime gare fu organizzata tra Nizza e La Turbie sulla strada della grande cornice nel 1900. A seguito di un tragico incidente, un ricco rivenditore di automobili di nome Emil Jellinek chiese alla società Daimler di costruire un nuovo modello di auto, il cui baricentro dovesse essere basso. Questa autovettura fu brevettata, commercializzata e portava il nome della figlia del rivenditore Jellinek... Si chiamava Mercédes!

In virtù della sua posizione dominante, la grande cornice offre una posizione strategica per due siti eccezionali: l'osservatorio di Nizza e l'astrorama di Eze.

Situato sul viale che porta il suo nome, l'Osservatorio è stato costruito dall'architetto Charles Garnier a cui dobbiamo, tra gli altri, l'Opéra Garnier di Parigi e il casinò di Monte Carlo. La sua cupola è una delle creazioni di Gustave Eiffel! Un vero gioiello architettonico da scoprire durante una visita guidata.

In direzione di La Revère, scopriamo un altro sito incredibile: l'astrorama, che ci permette di osservare e comprendere l'universo. Vi consigliamo di partecipare ad una delle serate “Ciel Ouvert” (cielo aperto) proposte durante tutto l'anno.

 

 
I percorsi delle tre cornici sono fonte di ispirazione da molti punti di vista e hanno conquistato molti registi che le hanno utilizzate come set cinematografici!

Ricordiamo “La Main au collet” (la mano al colletto) di Alfred Hitchcock (1955) dove una delle scene più memorabili vede Grace Kelly e Cary Grant al volante di una decappottabile blu durante un inseguimento sulle cornici.

A piedi, in bicicletta o in macchina (d’epoca...o no!), qualunque sia il mezzo poco importa finché ci sia la scoperta!

Questo articolo è stato presentato da Laetitia ed Emillie dell'ufficio del turismo metropolitano di Nizza Costa Azzurra e dall’ufficio informazioni turistiche di Saint-Jean-Cap-Ferrat.