Spazio Pro e Stampa Webcams 12°
-/+
Il mio carnet di viaggio

Ufficio del turismo metropolitano Nice Côte d'Azur

X Prenotazione del soggiorno Prenota
 
 
 
 
 
08 giugno 2020
Con l'arrivo delle belle giornate sentiamo il bisogno di muoverci, e ci viene voglia di uscire a fare un giro in bici. Perfetto, perché ci aspettano numerosi percorsi.
Innanzitutto, una bella escursione sul mare per scaldare i muscoli.

1. Da Nizza a Cagnes sur Mer sulla pista ciclabile attraverso Saint Laurent du Var

Sono 37 km da fare tutti insieme o a tappe, a seconda di quello che ci va. Il profumo della schiuma, il mare blu, l’orizzonte lontano... i chilometri scorrono a tutta velocità mentre contempliamo il paesaggio mozzafiato.

In più, per chi non possiede una bici, nessuna scusa, dato che tutto il percorso è coperto dalle stazioni del bike sharing, Velo Bleue! È possibile addirittura prendere la bici a Nizza e riconsegnarla a Cagnes.

Promenade des Anglais, Nice
Vélo Bleu
Cagnes-sur-Mer

2. Sguardo alle montagne

Tra mare e montagna, il grazioso villaggio di Levens offre agli amanti della mountain bike diversi circuiti di tutti i livelli. È più precisamente sul Mont Arpasse e sul Mont Férion che gli appassionati di mountain bike possono trovare soddisfazione. Immaginate... 80 km di sentieri segnalati. Nei pressi del Grand Pré la segnaletica permette di seguire i vari percorsi. Inoltre, è possibile noleggiare in loco le mountain bike elettriche, al prezzo di € 15 per mezza giornata o € 25 per tutto il giorno (ricordandosi di prenotare in anticipo presso l'Ufficio Turistico). Maggiori informazioni sui circuiti per mountain bike offerti da Levens.

Ora andiamo ancora più in là, saliamo sulle vette che ci stanno chiamando.

La bicicletta a pedalata assistita apre nuovi orizzonti: qualche anno fa non avrei mai immaginato di salire da Nizza a La Vésubie o La Tinée in bicicletta: troppa la fatica, paura non farcela e anche un po' di pigrizia…

Ma ora è possibile: ognuno al suo ritmo, con la famiglia o gli amici, possiamo farcela!! E infatti sempre più persone si avventurano.

Bisogna organizzarsi bene, date le distanze, perché è un bel viaggio da preparare.

In mountain bike sul sentiero per gli amanti della natura selvaggia o in bici da strada per gli amanti del ciclismo.

 

In tutti i casi, con o senza assistenza elettrica, è possibile organizzare bellissimi circuiti sul nostro territorio.

Per prima cosa, trova la bici giusta per la tua corsa. Un consiglio: per le bici elettriche prova prima la durata della batteria in base al tuo livello per assicurarti una gita senza stress.

Per fare una prova, niente di meglio che affittare prima di decidere di acquistare, se necessario.

 

Clicca sulla mappa per ingrandirla

Dopodiché, bisogna programmare la logistica e controllare le aperture di negozi, ristoranti e strutture ricettive varie, soprattutto nei paesi di collina e di montagna.

I siti di informazione non sono sempre aggiornati e alcuni blog contengono informazioni del 2015 o del 2016.

Cosa potrebbe esserci di più frustrante che aver programmato una sosta rinfrescante in cima a un passo e trovare tutto chiuso. E chissà se avevate promesso un gelato ai bambini!

Se ci si organizza bene non c’è da preoccuparsi, non succederà.

Le informazioni più aggiornate sono disponibili presso l'Ufficio del turismo di Nizza Costa Azzurra o le “Case di Tappa” in loco.

> Piattaforma di prenotazione dell'Ufficio del turismo di Nice Côte d'Azur

> Auron
> La Colmiane
> Saint Martin Vésubie

3. Tra Tinée e Vésubie, sulle strade

Alla partenza da Nizza verso Tinée e Vésubie ti aspettano molte possibilità.

Ad esempio, da Nizza si puo’ risalire la valle della Tinée, con un'incursione al colle di Couillole. Si arriva a Roure, un luogo da scoprire: l'Auberge du Robur, con le sue camere immerse nella natura e il suo ristorante gourmet dove Deborah vi delizierà con una cucina creativa e sempre stagionale.

Poi vi aspettano la salita a La Bonette, la discesa di Saint Etienne de Tinée, poi Isola 2000 e il col de la Lombarde.

Da lì, scenderete a Saint Sauveur sur Tinée e infine, salirete a Colmiane (Col St Martin) e tornerete a Nizza attraverso Saint Martin Vésubie, Roquebillière e Lantosque.

Il percorso può essere fatto in una volta sola oppure a tappe, a vostro piacimento.

Quattro colline da affrontare, direi che può bastare come riscaldamento!

4. La natura viva

Da Nizza, dove la natura è già in fiore, avrete la sensazione di tornare all’inizio della primavera. In alto, le betulle stanno germogliando, i crochi stanno nascendo, il verde non c'è ancora.

Lungo le vie in salita, il lillà spagnolo (Centrantus ruber) vi stupirà ai lati della strada. Questi grandi grappoli di fiori fucsia riescono a crescere su pareti scoscese, in mezzo a rocce nere o rosse. Ad ogni svolta vi aspetta una sorpresa.

Usciamo dal verde per attraversare gole rocciose e vedere la neve ancora presente sulle pendici più alte del nostro percorso.

Che differenza!!

Info Natura: l'incontro con la fauna selvatica è frequente in montagna: cervi, camosci e mufloni si vedono spesso ai margini delle strade, con nostro grande piacere. Non sono attratti dal cemento, tuttavia hanno bisogno del sale cosparso sulle strade e in primavera arrivano per leccarlo.

Attenzione, i cerbiatti che potreste scorgere nei fossi non sono stati abbandonati. La loro madre lo osserva lì vicino e aspetta che voi ve ne andiate. Soprattutto non bisogna toccarli: la loro sopravvivenza è legata alla madre e non li aiutereste affatto, anzi.

5. Escursioni da scoprire in mountain bike con pedalata assistita (da giugno 2021)

A giugno 2021 ci verrà offerta una nuova rotta: mountain bike elettrica da Auron a Nizza, oltre 261 km.

Ad ogni tappa saranno disponibili molti servizi: stazioni di ricarica bici, stazioni di lavaggio e gonfiaggio e ovviamente pannelli informativi che riporteranno la mappa del percorso dei luoghi attraversati.

Partenza da Auron, località turistica a 1600 m di altitudine, prima tappa a Saint Dalmas le Selvage, paese di montagna dal fascino autentico e il giorno successivo salita del mitico Col de la Bonette che ha già ospitato 4 volte il Tour de France, in 1962, 1964, 1993 e nel 2008.

Auron

La tappa successiva è Saint Etienne de Tinée, un paese che ha i negozi aperti tutto l'anno. Il lago offre libero accesso alla balneazione nei mesi di luglio e agosto.

Poi si risale verso Isola 2000 per una tappa sulle piste di montagna. Dopodichè si passa da Vésubie.

A Saint Martin Vésubie, cittadina dinamica, ti aspettano tanti negozi e ristoranti per ricaricare le batterie e non solo quelle della bici! Il centro Vésubia Moutain Park vi offrirà la possibilità di rinfrescarvi grazie alla sua area acquatica.

Da lì raggiungerete Roquebillière, una bella piscina naturale estiva (Contatto in stagione: 04 93 02 03 84).

Infine, come ultima tappa prima di arrivare a Nizza, vi è il grazioso villaggio di Bollène Vésubie, vicino alla località Turini Camp d'Argent.

Isola 2000
Vésubia Moutain Park
La Bollène Vésubie

L’arrivo a Nizza con vista a picco sul mare e poi passaggio per la Promenade des Anglais, è semplicemente wow…. stupendo! Dopo 7 giorni in montagna tra camosci e mandrie transumanti, un tuffo in mare!

Ogni paese di sosta offre alloggio, Bed and Breakfast o hotel, a seconda della disponibilità. La prenotazione è indispensabile.

Buon viaggio e buon divertimento, tra mare e montagna vi aspetta un intero mondo di meraviglie!

6. Eventi ciclistici: al cuore delle competizioni

  • Il Tour de France

    Quasi 40 anni dopo eccoci di nuovo qui! Quest'anno Nizza è stata la città del Grand Départ del Tour de France. Il 29 e 30 agosto 2020 tutti i ciclisti si sono riuniti qui! Abbiamo l’opportunità di conoscere i protagonisti e di provare con loro l'emozione della partenza ...

    Il primo giorno 3 giri (di cui uno ripetuto) hanno peremesso di separare i velocisti con un’uscita finale sulla Promenade des Anglais che promette un buon arrivo. Il 30 agosto, il Tour de France è passato dal Col de la Colmiane, poi dal Col de Turini e infine dal Col d´Eze. Giornata impegnativa dall'inizio di questo tour, dove abbiamo visto i migliori alpinisti gareggiare nelle zone montuose dell'Alto Paese.

  • Per raggiungere le vette : la Trans-vésubienne – 19 e 20 settembre 2020

    Si tratta di una mitica gara di mountain bike, con tappe su alcuni dei sentieri più belli ed impegnativi del nostro territorio. Questa competizione molto dura spinge i ciclisti al limite delle loro possibilità.

    Diventare Finisher è già una sfida quando ti iscrivi a questa leggendaria gara, la Transv Classique è infatti: 72km / + 2000m D + / -3500m D-. Per i coraggiosi, il Transv Extrème è a 89 km / + 3000 m D + / -4450 m D-

    Si può fare in solitaria (versione Transv Extreme o classica), in duo o staffetta, mountain bike o mountain bike elettrica.

     

  • Una novità per uscire dai sentieri battuti : il Gravel Trophy – 3 e 4 ottobre 2020

    Gravel Trophy è il clou di un concetto completamente nuovo: Gravel for graviers. Con una bici che è ottima su strade e sentieri. La sua versatilità permette di scoprire il territorio senza essere limitati dal terreno.

    È un'avventura sportiva che ti viene offerta su tre percorsi: Trophy Discovery, Trophy Challenge e Trophy Explore.

    Il Trophy Explore è una vera avventura sportiva:

    * 185 km tra Valberg e Vence,

    * il sabato, dislivello 460 m,

    * la domenica, 3800 m di D + e 4900 m di D- per un'esperienza unica e paesaggi grandiosi.

  • La XCO Mountain Bike French Cup and Teams Relay - 16-18 ottobre 2020 a Levens


    L'AMSL VTT (Levens) ha organizzato nel 2019 un round della mountain bike cross country Coupe de France, con il supporto del Conseil Départemental des Alpes-Maritimes. Dato al successo della scorsa edizione, questa competizione sarà riproposta nel calendario 2020.

 

 


Allora vi aspettiamo, in bici, tra mare e montagna!

 

Informazioni pratiche

COVID 19

Per ragioni sanitarie ed organizzative, le condizioni di accesso ad alcuni luoghi potranno essere eventualmente modificate o limitate.

Vi consigliamo di verificare queste informazioni prima della vostra visita.

 
Questo articolo è proposto da Marie dell'Office de Tourisme Métropolitain Nice Côte d'Azur.

Crediti Foto : TURPAUD, PIERINI, OTM, AURON.