Spazio Pro e Stampa Webcams 22°
-/+
Il mio carnet di viaggio

Ufficio del turismo metropolitano Nice Côte d'Azur

X Prenotazione del soggiorno Prenota
 
 
 
 
 
20 ottobre 2020
La luce particolare e incantevole di Nizza

La luce di Nizza sorprende i visitatori e affascina da sempre gli abitanti. Qui, più che altrove, l’intensità dei colori si esprime in una composizione cromatica pitturale che esplode in un’intensità esultante.

1 - Le sfumature del mare

Nizza Costa Azzurra, c’è un motivo se si chiama cosi’. C’è qualcosa di magico in questa tonalità di colore. Turchese, blu mare, celeste, indaco… Qualsiasi sia il colore del cielo, qui il mare è sempre di un blu eccezionale.

Prima di atterrare sulla pista di Nizza, pure ci manca il fiato è sospeso per lo spettacolo che si vede dal finestrino dell’aereo. Non c’è da stupirsi che l’aeroporto internazionale di Nizza Costa Azzurra sia sul podio dei più belli atterraggi al mondo. Oltre allo straordinario colore del mar Mediterraneo, anche il panorama sulle montagne (innevate d’inverno) suscita meraviglia.

Siete atterrati? Benvenuti a Nizza, capitale della Costa Azzurra!

Dalle scoperte architettoniche e culturali durante le tranquille passeggiate, a musei nei palazzi antichi, la città invita tutti a scoprire uno stile di vita tramandato nel corso dei secoli. Nizza è bella e complessa, una città di paradossi sapientemente dosati. Carica di tradizione e di modernità, offre delle passeggiate che moltiplicano i piaceri e le emozioni. Se apriamo bene gli occhi, Nizza ci farà restare a bocca aperta!

@OTM NCA / J.Kelagopian
 

2 - La luce che ha sedotto gli artisti

Un piacere per gli occhi e per i sensi. Quando scende la notte e il sole infiamma il cielo, riempie di meraviglia. I tramonti sulla Baia degli Angeli sono sempre diversi e sempre magici.
@Olivier Arlet

La luce incomparabile di Nizza e della Costa Azzurra ha sempre attirato gli artisti. Scrittori, scultori, pittori, cineasti: tutti hanno trovato qui l’ispirazione, il sole e la gioia di creare. Nizza ha sempre saputo sedurre e invitare gli artisti tanto da far loro desiderare di non andarsene più. Matisse, Renoir, Modigliani, Dufy, Dicolas de Staël, Klein, César, Arman, Ben, Cocteau: tutti hanno avuto come loro musa la città di Nizza con la quale hanno stretto relazioni privilegiate.

“Quando ho capito che ogni mattina avrei rivisto questa luce, sono scoppiato di gioia… ho deciso di non lasciare Nizza e ho abitato lì praticamente per tutta la mia esistenza” – Henri MatisseL’artista ha posto il suo cavalletto per 35 anni a Nizza, per trasmettere, attraverso le sue opere, tutta la bellezza della sua città di adozione. Egli si appassionò immediatamente ai colori del cielo, i riflessi del mare e la dolcezza del clima. Come si capisce, noi nizzardi, possiamo approfittarne per tutto l’anno.

Il nostro consiglio: non scordare di visitare il Museo Matisse, nel quartiere Cimiez, in un magnifico edificio (anticamente Villa di Arènas o Palazzo Gubernatis), in un sito gallo-romano e un giardino di ulivi centenari.

 

3 - Vecchia Nizza, una palette di colori e di emozioni

Un raggio di luce filtra attraverso le persiane socchiuse della Vecchia Nizza. Un po’ in penombra, un po’ al sole. Il calore dietro una persiana. Qui si trovano la luce e i colori di tutti i giorni.

Vecchia Nizza è, da sola, un festival di sensazioni. Difficile resistere davanti allo charme di questi quartieri animati e popolari. Strette viuzze, facciate gialle e ocra, boutique degli artigiani e piccoli commerci, ristoranti e luoghi pieni di vita, senza dimenticare IL mercato di Cours Saleya, sono l’anima della “Vieux Nice”, come la chiamano i nizzardi. Classificato tra i mercati eccezionali di Francia, quello di Cours Saleya è un inno alla vita e un delizioso viavai di colori. Sotto le tende a strisce, che riparano dal sole bollente, gli odori e i colori dei prodotti esposti attirano clienti e semplici curiosi. A soli pochi metri dal mare, nizzardi e turisti amano passeggiarvi. Fiori, frutta, verdura, ma anche spezie, olive, saponi e frutta candita sono esposti in graziose composizioni. Mimose, gerani, dalie, rose e altri fiori di produzione locale profumano i viali. Tutto l’anno qui aleggia come un dolce profumo di vacanze.

Sulle terrazze soleggiate dei ristoranti del Cours Saleya, è facile crogiolarsi al sole prendendo una pausa e contemplando il mosaico di colori che invita a sognare.

La Vecchia Nizza è anche il luogo ideale per assaggiare l’autentica cucina nizzarda. Tra le specialità da gustare con le mani, la socca (farinata di ceci cotta con fuoco a legna), la pissaladière (specialità a base di cipolle cotte), i petit farcis, la fougasse (brioche profumata al fiore d’arancio), l’oliva di Nizza e il mitico pan bagnat (panino nizzardo per eccellenza). Per assaggiarlo, qui c’è l’imbarazzo della scelta, ma vi consigliamo di optare per un ristorante certifcato Cuisine Nissarde.

D’estate, alla sera, il mercato diventa notturno. Allora vengono istallati gli stand di bijoux, ceramica e dipinti realizzati con la passione degli artigiani nizzardi.

@OTM NCA /J.Kelagopian
insta@valentin.donato
 

4 - Nizza, città verde del mediterraneo

La capitale della Costa Azzurra è, con Montpellier, la grande città più alberata di Francia, secondo l’agenzia Keramp, una startup specializzata nel trattamento dell’immagine.
@Ville de Nice

Il 26% della parte urbanizzata della città è coperta di verde. Se si prende l’insieme del territorio comunale (compresa, dunque, la zona non constuita delle colline protette), la cifra sale a 34%! Un record tra le undici città francesi di più di 200.000 abitanti, ovvero l’equivalente di più di 2.000 campi di calcio e un albero ogni 5 abitanti… un fatto che allontana i pregiudizi e le malelingue.

Nizza conta 178 parchi e giardini, ma la più spettacolare e senza paragoni è la Promenade du Paillon. Inaugurata nell’ottobre 2013, questo tappeto verde di 12 ettari nel pieno cuore di Nizza ha conquistato tutti, con i suoi 1.600 alberi, 6.000 arbusti e 50.000 piante vivaci, i giochi per bambini e gli specchi d’acqua di 3.000 metri quadri, con 128 getti e vaporizzatori di 1.400 metri quadri. Le essenze sia mediterranee che esotiche ci fanno imbarcare in un viaggio intorno al mondo. Olivi, vigne, garofani, carrubi, melograni, fichi, canfora, bambù giganti, fenice reclinata, felci arboree alte due metri, questo flusso verde segna l'inizio di un vasto progetto per rendere verde la città.

Nel corso degli anni, la natura riprende i suoi diritti sull’asfalto. Le piste ciclabili fioriscono ovunque, la rivoluzione verde è in marcia.

Il nostro consiglio: optare per una passeggiata in bici. Ovunque in città è possibile trovare le bici a noleggio, comprese quelle a pedalata assistita (una stazione ogni 300 metri). Ideale per una scoperta inedita e originale di Nizza.

Per saperne di più.

 
 
Questo articolo vi è poposto da Joëlle dell'Ufficio del turismo metropolitano Nice Côte d'Azur.